Anno domini 2017

In principio

20/02/2017

E così raccolsero monete d’oro, esaminarono antichi testi e intrapresero numerosi viaggi.
Nacque finalmente “La Gilda dei Bardi”, associazione culturale per la diffusione del gioco intelligente, che trascinata dall’impeto dei 5 avventurieri fondatori, si prodigò nel cercare un luogo adatto al ritrovo di tutti coloro che ancora vagavano nelle tenebre senza una meta.

27/02/2017

Le danze si aprirono ufficialmente grazie a Matilde di Canossa che ci ospitò nel suo parco (Parco Matilde appunto) a Carpineti.
Mai luogo fu più adatto! Una grande sala nel centro del parco, dove abbondavano tavoli, sedie e i boccali brindando fino a tarda notte non avrebbero arrecato nessun disturbo alla pubblica quiete.
Facilmente raggiungibile dai viandanti e la possibilità di utilizzare l’ampio spazio intorno per far sostare i carri e dar ristoro ai cavalli ne facevano una gemma preziosa.

Marzo 2017

Ma ecco che le forze nemiche affilarono le lame.
“Non è posto per voi!!” e coloro che amministravano i feudi ci tolsero il diritto di utilizzare il luogo, lasciandolo vuoto, inutilizzato ma pur sempre riscaldato sperperando di conseguenza una quantità ingente di monete d’oro.
Rivolgemmo la nostra attenzione a maghi, druidi e stregoni ma le motivazioni rimasero a noi oscure, e ad oggi le nebbie restano fitte.

Aprile – Giugno 2017

Tornammo dunque a vagar senza una dimora degna, di taverna in taverna portando carri pesanti ricolmi di “ludico materiale” e improvvisando serate per la gioia degli avventori.

18/06/2017

Dopo giorni di trattative serrate arrivammo dunque ad un compromesso.
“ va bene, la giornata nella pubblica piazza sarà fatta ma dovrete quindi onorare la parola data, garantendoci almeno cinque se non sei serate nella sala al parco Matilde per dar seguito al nostro operato!”.
L’evento il cui nome fu “Giochi in Piazza” seppur poco decantato e sovrapposto ad altri ebbe un discreto successo.

Giugno – Ottobre 2017

Promesse subito disattese, poi ritrattate con altre promesse che vedevano “Palazzo Cortina” come luogo più adatto secondo canoni a noi sconosciuti.
I giorni trascorsero inesorabili come inesorabile fu la costanza dei bardi nell’insistere e sentendosi ormai presi d’assedio si barricarono dietro alla “inagibilità” un potente incantesimo lanciato da chi non ha più scuse.

04/10/2017

Una serie di eventi portò Maggi Alessandro a dimettersi.
Al suo posto viene eletto all’unanimità Fabio “Kal” Caliceti al tempo vice Mastro di Gilda.
Dopo i festeggiamenti di rito, il discorso e i bagordi, i bardi decisero che l’ora di agire era giunta!

Ottobre 2017

Abbandonata definitivamente la possibilità di interagire, collaborare o altresì prendere in considerazione qualsivoglia proposta da parte degli amministratori del matildico comune carpinetano, come consuetudine ci apprestammo ad intraprendere l’ennesimo viaggio.
Giunsero alle nostre orecchie notizie riguardanti “un nuovo castello nei monti” che per i molti era conosciuto come Castelnovo Monti.
Già dai primi contatti fummo accolti come vecchi amici e da tali trattati.
In poco tempo ci fu proposto di utilizzare un luogo dal misticismo intrinseco (Centro Giovani “Il Formicaio”) e ci invitarono subito a dar prova delle nostre abilità organizzando una giornata di gioco nella magna biblioteca (facente parte del circuito IGD – International Game Day)

18/11/2017

Così arrivò la richiesta e ci venne affidata la sala dei musicisti (sala concerti) all’interno della biblioteca.
In questa occasione la notizia fu fatta girare in lungo e in largo, se ne parlava nelle inospitali montagne del nord fino alle vaste paludi nel sud e in ogni taverna vi era un bardo che cantava versi per attirare le folle.
La partecipazione fu considerevole! Arrivarono nuovi bardi intenzionati a seguirci nelle avventure, insegnanti di corte (scuole medie e superiori) interessati ai nostri progetti e altre associazioni disposte a collaborare.

30/11/2017

I confini non avevano senso! la volontà dei bardi di espandersi ovunque era troppo forte e si registrarono nel registro regionale come Associazione di Promozione Sociale (APS).

Dicembre 2017

Ci furono consegnate le chiavi del Centro Giovani “Il Formicaio” in una fredda mattina di dicembre. Fummo accompagnati all’ingresso e ci fu rivelato l’arcano rituale con il quale si apriva la porta.
Dopo numerosi viaggi, finalmente a casa! 

20/12/2017

Dall’incontro con i maestri di corte durante la giornata internazionale del gioco, partì l’iniziativa che ci coinvolse nelle scuole superiori dell’istituto “Cattaneo”.
I rappresentanti di istituto presero i nostri contatti e così ci fu data la possibilità di mostrare alle giovani menti un mondo di giochi ai più sconosciuto o comunque semi inesplorato.
Durante il monteore spiegammo vari giochi da tavolo e di ruolo ampliando gli orizzonti ludici di molti ragazzi.

22/12/2017

La prima serata presso la nuova sede! Concluso il rituale, la serratura della porta scattò e un senso di pace riempì i nostri animi. La partecipazione fu modesta ma il nostro spirito fortificato dalle ormai numerose battaglie non si scoraggiò: è solo l’inizio!
Il venerdì divenne la serata ufficiale del gioco.

Anno Domini 2018

Anno domini 2019